I-Quality Group‎ > ‎Notizie‎ > ‎

Il Grande Malessere Continua

pubblicato 04 gen 2016, 16:21 da Elisabetta Rossi

Photo of Joseph E. Stiglitz

 

Joseph E. Stiglitz, Premio Nobel per l'economia e professore alla Columbia University, è stato a capo del gruppo di consulenti per l'economia del Presidente Bill Clinton e ha servito come Vice President Senior e come Economista Capo della Banca Mondiale...  continua ..

    NEW YORK – 3 gennaio 2016  

Il 2015 è stato un anno difficile in tutto il mondo. Il Brasile è caduto  in recessione. L’economia cinese ha sperimentato il suo primo calo serio dopo quasi quattro decenni di crescita incessante. L’Eurozona è riuscita a evitare il tracollo della Grecia ma la sua quasi stagnazione ha continuato, contribuendo a quello che sicuramente sarà considerato come un decennio perduto. Per gli Stati Uniti, il 2015 doveva essere l'anno in cui finalmente chiudere il libro sulla Grande Recessione iniziata già nel 2008; invece, la ripresa degli Usa è stata mediocre.

Infatti, Christine Lagarde, capo del Fondo Monetario Internazionale, ha definito lo stato attuale dell'economia globale come il Nuovo Mediocre. Altri, rifacendosi al profondo pessimismo dopo la fine della seconda guerra mondiale, temono che l'economia globale possa scivolare nella depressione, o almeno in una stagnazione prolungata.


All'inizio del 2010, ho scritto nel mio libro Freefall, che descrive gli eventi che portarono alla Grande Recessione, che senza le risposte adeguate, il mondo rischia di scivolare in quello che ho chiamato un Grande Malessere. Purtroppo avevo ragione: non abbiamo fatto ciò che era necessario, e siamo finiti esattamente dove ho temuto che finissimo.

L'economia di questa inerzia è facile da capire, e ci sono rimedi facilmente disponibili. Il mondo deve affrontare una carenza di domanda aggregata, causata da una combinazione di crescente disuguaglianza e di un'ondata insensata di austerità fiscale. Chi sta in cima spende molto meno di chi sta in basso, in modo che mentre il denaro aumenta, la domanda scende. E paesi come la Germania, che mantiene costantemente eccedenze verso l'estero, stanno contribuendo in maniera significativa al problema chiave della domanda globale insufficiente.

Allo stesso tempo, gli Stati Uniti soffrono di una forma più lieve di austerità fiscale che prevale in Europa. Infatti, negli Usa sono state impiegate nel settore pubblico circa 500.000 persone in meno rispetto al periodo pre-crisi. Con l'espansione normale in materia di occupazione del settore pubblico a partire dal 2008, ci sarebbero stati due milioni in più.

Inoltre, gran parte del mondo si sta confrontando - a fatica – con la necessità di una trasformazione strutturale: dalla produzione ai servizi in Europa e in America, e da una crescita guidata dalle esportazioni ad un’economia trainata dalla domanda interna in Cina. Allo stesso modo, la maggior parte delle economie basate sulle risorse naturali in Africa e America Latina non è riuscita a sfruttare il boom del prezzo delle materie prime sostenuto dall’intento della Cina di creare un'economia diversificata; ora si trovano ad affrontare le conseguenze della depressione dei prezzi sulle loro principali esportazioni. I mercati non sono stati in grado di effettuare tali trasformazioni strutturali facilmente da soli.

Ci sono enormi esigenze globali insoddisfatte che potrebbero stimolare la crescita. Le infrastrutture da sole potevano assorbire migliaia di miliardi di dollari di investimenti, e questo vale non solo nel mondo in via di sviluppo, ma anche negli Stati Uniti, che hanno investito in maniera insufficiente nelle infrastrutture di base per decenni. Inoltre, il mondo intero ha bisogno di aggiornarsi per affrontare la realtà del riscaldamento globale.

Mentre le nostre banche sono tornate a un discreto stato di salute, esse hanno dimostrato che non sono adatte a realizzare il loro scopo. Esse si distinguono nello sfruttamento e nella manipolazione del mercato; ma hanno fallito nella loro funzione essenziale di intermediazione. Tra i risparmiatori a lungo termine (ad esempio, i fondi sovrani e quelli di risparmio per la pensione) e gli investimenti a lungo termine nelle infrastrutture spicca il nostro miope e disfunzionale settore finanziario.

L'ex Presidente della Federal Reserve Ben Bernanke ha detto una volta che il mondo soffre di un "eccesso di risparmio". Ciò sarebbe avvenuto se i risparmi del mondo fossero stati investiti nelle case scadenti del deserto del Nevada. Ma nel mondo reale, vi è una carenza di fondi; anche progetti con alti rendimenti sociali spesso non riescono a ottenere il finanziamento.

L'unica cura per il malessere del mondo è un aumento della domanda aggregata. La lungimirante redistribuzione del reddito avrebbe aiutato, come farebbe una profonda riforma del nostro sistema finanziario - non solo per evitare di infliggere danni a tutti noi, ma anche per far sì che le banche e le altre istituzioni finanziarie facciano ciò che si suppone debbano fare: abbinare i risparmi a lungo termine alle esigenze di investimento a lungo termine.

Ma alcuni dei problemi più importanti del mondo richiederanno investimenti pubblici. Tali esborsi sono necessari per infrastrutture, istruzione, tecnologia, ambiente, e per facilitare le trasformazioni strutturali necessarie in ogni angolo della terra.

Gli ostacoli che l’economia globale affronta non sono radicati nell’economia, ma nella politica e nell'ideologia. Il settore privato ha creato la disuguaglianza e il degrado ambientale con cui dobbiamo fare i conti oggi. I mercati non saranno in grado di risolvere questi ed altri problemi critici che hanno creato, o ripristinare la prosperità, per conto proprio. Sono necessarie politiche governative attive.

Ciò significa superare il feticismo di deficit. Ha senso per paesi come gli Stati Uniti e la Germania che possono prendere in prestito denaro a tassi di interesse reali a lungo termine negativi per fare gli investimenti che sono necessari. Allo stesso modo, nella maggior parte degli altri paesi, i tassi di rendimento degli investimenti pubblici superano di gran lunga il costo dei fondi. Per quei paesi il cui debito è vincolato c'è una via d'uscita, sulla base del principio di lunga tradizione del moltiplicatore di pareggio di bilancio: un aumento della spesa pubblica accompagnata da maggiori imposte stimola l'economia. Purtroppo, molti paesi, tra cui la Francia, sono impegnati in contrazioni del pareggio di bilancio.

Gli ottimisti dicono che il 2016 sarà migliore del 2015. Questo potrebbe rivelarsi vero, ma solo impercettibilmente. Se non affronteremo il problema di una insufficiente domanda aggregata globale, il Grande Malessere continuerà.


Read more at https://www.project-syndicate.org/commentary/great-malaise-global-economic-stagnation-by-joseph-e--stiglitz-2016-01/italian#PUS7q79V7hI7GoVu.99
Comments