TITOLO
In sintesi:

Aumentare la crescita economica non migliora più la nostra salute o benessere. Per migliorare la qualità della vita abbiamo bisogno di maggiore uguaglianza tra i redditi. 

Più in dettaglio: 

Siamo ad un punto di svolta nella storia umana. Per secoli il modo migliore per aumentare la qualità della vita è stato quello di innalzare gli standard di vita materiale. Ma eccoci giunti al limite di ciò che la crescita economica può fare per i paesi sviluppati. Gli indicatori di benessere o di felicità non aumentano più con la crescita economica. Anche se la salute continua a migliorare nei paesi ricchi, questo non è più legato alla crescita economica. Sappiamo anche che l'incidenza di depressione e ansia è aumentata negli ultimi 50 anni. 

Non solo la crescita economica nei paesi ricchi smesso di creare i benefici sociali che una tempo portava (e continua ancora oggi a portare nei paesi più poveri), ma ora minaccia il pianeta. Siamo quindi la prima generazione obbligata a trovare nuovi modi per migliorare la qualità reale della vita. L'evidenza suggerisce che occorre spostare la nostra attenzione dalla crescente ricchezza materiale all'ambiente sociale e la qualità delle relazioni sociali nelle nostre società. Per i paesi ricchi diventare ancora più ricchi fa poca o nessuna differenza per lcombattere i problemi sanitari e sociali ma, come altre pagine di questo sito chiariscono, i problemi sociali che affliggono molte società ricche sono molto più comuni nelle società più ineguali. Società con piccole differenze di reddito tra ricchi e poveri sono più coese: la vita comunitaria è più forte, i livelli di fiducia sono più alti e c'è meno violenza. La stragrande maggioranza della popolazione sembra beneficiare di una maggiore uguaglianza. 

Si dice talvolta che le società devono scegliere tra una maggiore uguaglianza e crescita economica. Se anche ciò fosse vero,le popolazioni dei paesi ricchi hanno chiaramente raggiunto un punto in cui la scelta razionale diventa l'uguaglianza:  se il nostro obiettivo è quello di migliorare la qualità della vita evitando ulteriori danni al pianeta, una maggiore uguaglianza renderebbe possibile raggiungere entrambi gli obiettivi, mentre la crescita economica da sola non ne può conseguire nessuno. Inoltre i gli strudi sugli indicatori dei diversi paesi non suggeriscono che una maggiore uguaglianza nuoccia  alla crescita economica. Società più coese godono di un ambiente in cui le imprese possono operare in modo più efficiente e ci sono almeno altrettanti studi empirici che suggeriscono che le società più eque hanno una migliore performance economica di quanti suggeriscono il contrario. Ma, se la questione rimane irrisolta , probabilmente è lecito ritenere che non esista una correlazione robusta tra uguaglianza e crescita. 

Sebbene sia divenuto essenziale ridurre le emissioni di carbonio, la produzione di rifiuti e l'uso delle risorse della terra, questo non significa che ci troviamo ad affrontare il declino economico o la stagnazione. Lo sviluppo di sistemi economici sostenibili richiede dinamicità e rapidità nell'innovazione e nel cambiamento, dedicati per lo più al risparmio di risorse e di energia. 

Kate Pickett discute di egualianza e sostenibilita' alla conferenza del Green Party:


Link all'originale in inglese




GRUPPO AUTONOMO AFFILIATO A
THE EQUALITY TRUST THE EQUALITY TRUST

Seguici su Twitter

e su Facebook


unisciti al  google group 

mandaci una email    


aggiungici
su google plus