Introduzione - Perché promuovere l’uguaglianza?

Per la descrizione più approfondita dei risultati, visitare la sezione Le prove in dettaglio

Lo studio di Wilkinson e Pickett (2009) ha messo in evidenza che: 

1. Nei Paesi ricchi in cui vi sono minori diseguaglianze di reddito, la popolazione gode di maggiori livelli di benessere fisico e psicologico. L’associazione tra diseguaglianze e benessere è evidente nel grafico, che raffigura in alto a destra i Paesi con il più alto livello di diseguaglianze e minori livelli di benessere (Stati Uniti, Regno Unito, Portogallo e Nuova Zelanda), ed in basso a sinistra i Paesi dove si riscontrano allo stesso tempo bassi livelli di diseguaglianza e una minore incidenza di problematiche sanitarie e sociali (Giappone, Svezia e Norvegia).










Indice dei problemi 
sanitari e sociali:
- Aspettativa di vita 
- Mortalità infantile 
- Rendimento scolastico 
- Omicidi 
- Gravidanze adolescenziali 
- Fiducia percepita 
- Obesità 
- Problemi psichici 
- Mobilità sociale
 

Associazione tra diseguaglianza dei redditi e indice dei problemi sanitari e sociali
(Tradotta ed adattata da Wilkinson e Pickett, 2009)


2. Allo stesso tempo, non vi è nessuna associazione tra reddito medio pro-capite e benessere; la crescita economica, dunque, NON porterebbe la popolazione di questi Paesi a sperimentare maggiori livelli di benessere.

3. Ad esempio, se il Regno Unito fosse un Paese più egalitario, la popolazione godrebbe di maggiori livelli di salute fisica e psicologica. Ad esempio, i risultati di ricerca suggeriscono che se si riuscisse a dimezzare la sperequazione dei redditi: 

- Il numero degli omicidi verrebbe dimezzato
- I problemi psichici si ridurrebbero di due terzi
- I problemi di obesità dimezzerebbero
- Il numero di arresti si ridurrebbe dell’ 80%
- Le gravidanze adolescenziali si ridurrebbero dell’ 80%
- I livelli di fiducia aumenterebbero dell’ 85% 

4. Un maggior livello di eguaglianza migliora NON SOLO il benessere delle fasce più povere della popolazione: le evidenze empiriche suggeriscono che TUTTE LE FASCE della popolazione traggono beneficio da più elevati livelli di eguaglianza, anche se per le fasce più basse il beneficio in termini di salute fisica e psicologica sarebbe maggiore. 

5. L’associazione tra diseguaglianza e benessere si riscontra sia a livello internazionale (considerando i Paesi sviluppati inclusi nell'indagine) , che mettendo a confronto i diversi stati degli Usa.


Dubbi, perplessità, curiosità?
Nella sezione Le prove in dettaglio, i risultati vengono presentati e discussi in maniera più approfondita. Per meglio comprendere la relazione tra disuguaglianze e benessere degli individui, inoltre, altre indagini sono in corso, ed ulteriori evidenze verranno pubblicate periodicamente. Se volete aiutarci a promuovere l'uguaglianza, unitevi a noi!

Vuoi esaminare la versione originale 
Why More Equality?
 
segui il link!



GRUPPO AUTONOMO AFFILIATO A
THE EQUALITY TRUST THE EQUALITY TRUST

Seguici su Twitter

e su Facebook


unisciti al  google group 

mandaci una email    


aggiungici
su google plus